Oggi parliamo di Polenta

polenta e fontina nuovo centro carni isola corbetta

La polenta è un piatto tradizionale del nord Italia, ma è diventato un classico nazionale grazie al suo gusto semplice, fatto con farina di mais e acqua, è abbastanza versatile da poter essere inserito nei menu dei migliori ristoranti del mondo. Alla fine del 1500, il mais era una coltura fiorente in Italia e divenne rapidamente l’ingrediente principale dei pasti della classe operaia.

Questo piatto, come potete immaginare, consisteva in cereali macinati, generalmente avena, frumento, grano saraceno o farro, cotti in acqua. Molto prima che riso, mais e patate arrivassero in Italia, il porridge di cereali (forma primitiva e meno elaborata della polenta) serviva da alimento per i romani, essendo la principale fonte nutritiva per artigiani e contadini.

Alternativa a basso costo, la farina di mais veniva consumata quotidianamente, sotto forma di polenta, accompagnata da una varietà di ingredienti. La polenta era un piatto nutriente per i poveri, ma è arrivata sulle tavole dell’aristocrazia, come tante altre ricette italiane, oggi è uno dei piatti più amati dai famosi chef internazionali.

Le diverse sfaccettature della polenta

Secondo la tradizione italiana, la polenta viene preparata in un paiolo di rame, chiamato “paiolo”, utilizzando un lungo cucchiaio di legno, con il quale viene mescolata per quasi un’ora a fuoco vivo. Quindi viene versato su un canovaccio cosparso di semola (mais essiccato disintegrato) o su un tagliere umido. Successivamente, con una spatola, gli viene data una forma rettangolare, e una volta freddo, viene tagliato a fette con un coltello sottile.

La polenta è molto varia nelle sue presentazioni. Può essere servito appena cotto come piatto unico con burro fuso e formaggio, oppure abbinato a pesce, pollame o carne. Un’altra opzione è lasciarlo raffreddare e tagliarlo a fette, friggerlo, tostarlo o gratinarlo. A Venezia la polenta si cucina con il latte e in Abruzzo si prepara come risotto alle verdure. Nella Lombardia settentrionale, la semola di mais giallo viene mescolata con la farina di grano saraceno per produrre una polenta scura e aromatica.

Ma senza dubbio, se si cerca la massima eleganza, la versione di polenta piemontese è l’opzione indiscussa, dove le fette vengono abbrustolite e ricoperte da un uovo al tegamino. Il piatto è condito con tartufo bianco finemente grattugiato.

I benefici della Polenta Bio

La polenta è un’opzione alimentare sana con diversi benefici nutrizionali. È un alimento versatile che può essere servito caldo o freddo. La polenta contiene carboidrati e proteine. Alcune varietà di polenta sono arricchite con sali minerali e vitamine per aumentarne il valore nutritivo. Anche fare la polenta con il latte al posto dell’acqua può aggiungere preziose sostanze nutritive.

È una buona opzione alimentare grazie ai seguenti vantaggi:

1- Fonte di fibre e proteine

La polenta contiene proteine e fibre per aiutare una persona a sentirsi sazi. Le fibre sono anche consigliate per mantenere il corretto funzionamento del sistema digestivo, per nutrire i batteri intestinali sani e per prevenire la stitichezza.

2- La polenta non contiene glutine

Molte fonti di fibre, come frumento, cuscus e segale, contengono glutine. Le persone con celiachia o sensibilità al glutine possono scegliere questa opzione in alternativa.

3- Ricco di carboidrati complessi

I carboidrati semplici si decompongono rapidamente e possono causare un aumento del livello di zucchero nel sangue di una persona. Anche i carboidrati semplici spesso non contengono molti nutrienti. Torte, biscotti e pane bianco sono esempi di carboidrati semplici. I carboidrati complessi della polenta si decompongono lentamente, il che significa che impiegano più tempo per essere digeriti. Questo lento rilascio può mantenere costanti i livelli di zucchero nel sangue.

4- Contiene vitamina A

Sebbene non contenga grandi quantità di vitamine e minerali, la polenta contiene un po’ di vitamina A. Secondo il National Institutes of Health, questa è necessaria per il corretto funzionamento di reni, polmoni e cuore.

5- Fonte di carotenoidi

La polenta contiene mais macinato, che è una buona fonte di carotenoidi. Questi riducono il rischio di alcune malattie, come alcuni tipi di malattie degli occhi e alcuni tipi di cancro.

6- Basso contenuto di grassi

La polenta è naturalmente povera di grassi e può essere consumata come parte di una dieta salutare per il cuore. Una persona che cerca di ridurre l’assunzione di grassi saturi dovrebbe cuocere la polenta con acqua, latte vegetale o brodo invece del latte animale ed evitare di aggiungere formaggio o burro.

7- Contiene minerali essenziali

Ferro, magnesio e zinco sono tutti minerali essenziali. Sebbene la polenta non fornisca grandi quantità di questi minerali, conta comunque per una dieta sana.

8- Poche calorie

La polenta è povera di calorie, proprio come gli altri cereali integrali. Alimenti nutrienti e integrali a basso contenuto calorico, come la polenta, possono essere una buona opzione per le persone che cercano di perdere o mantenere il proprio peso.

Una breve ricetta – Polenta con fontina

Ingredienti

  • 1 cucchiaino di sale
  • 250 g di granella di mais
  • 60 g di burro
  • 150 g di fontina
  • pepe bianco appena macinato

Preparazione

  1. Cuocete la polenta con sale e semola secondo la ricetta base, versatela in una teglia circolare sciacquata con acqua fredda, livellatela e fatela raffreddare.
  2. Sformare la polenta e tagliarla due volte in orizzontale. Pulite la teglia e ungetela con il burro.
  3. Infornare a 200º C. Tagliare la fontina a fettine sottili. Adagiate sulla teglia una fetta di polenta. Ricoprire con un terzo delle fette di formaggio, condire con il pepe e ricoprire con la successiva fetta di polenta.
  4. Ripetere l’operazione e coprire la polenta con il restante formaggio.
  5. Spalmate sulla superficie il burro a scaglie. Cuocere per 20-25 minuti.

Come puoi vedere, è molto facile preparare questo delizioso piatto. Buon appetito!

 

This entry was posted in Consigli di cucina.