Parliamo oggi del cotechino

Parliamo oggi del cotechino

Parliamo oggi del cotechino

Un secondo piatto tipico della tradizione culinaria italiana. A Capodanno non ci sarà tavola italiana dove manchi il cotechino (o per alcuni lo zampone), accompagnato dalle sue lenticchie. È un piatto molto semplice, non costoso e anche delizioso! Sono tante le famiglie italiane che mangiano il cotechino per il cenone di Capodanno. Può essere accompagnato da diversi elementi, tra i quali troviamo le lenticchie. Per la sua preparazione occorrono cotechino, pancetta, lenticchie, cipolla e altri ingredienti; che commenteremo meglio in seguito.

Il Cotechino è un prodotto tradizionale emiliano, cucinato nel periodo invernale e principalmente nel periodo natalizio, dove a Capodanno c’è un trionfo di sapore immancabile, preparato con carni di maiale selezionate, insaporite da una miscela di spezie equilibrata e lavorate con sapienza. Facile da preparare, è pronto in soli 20 minuti.

Simbolo di ricchezza e prosperità

Il cotechino ha origini antiche. Troviamo infatti le sue radici nel Medioevo, nel 1511, al tempo del Pico della Mirandola: secondo la tradizione, fu proprio questo filosofo medievale a consigliare ai suoi concittadini che, in tempo di guerra, avrebbero dovuto macellare i maiali che venivano lasciati nelle stalle. Li mangiavano riempiendo le cosce e la cotenna (pelle) con carne di maiale magra e grassa, tritata grossolanamente, unita alla pelle dell’animale, tritata finissima, e il tutto aromatizzato con pepe, noce moscata e chiodi di garofano.

Invece gli antichi romani, consideravano le lenticchie un investimento per i mesi a venire e, l’ultimo giorno dell’anno, dopo la mezzanotte del 31 dicembre , si regalavano una borsa di pelle da legare alla cintura piena di lenticchie. Per i romani la speranza era che venissero trasformati in monete, quindi erano un simbolo di ricchezza e prosperità.

Il cotechino

Il cotechino è un insaccato prodotto con carne di maiale, sia con cotenna che con carni magre, e con carni grasse condite con spezie quali cannella, noce moscata, sale alle erbe e pepe nero. Viene insaccato all’interno di un budello naturale di suino e cotto molto lentamente per circa due ore con l’avvertenza di avvolgerlo in un foglio di alluminio o in un tovagliolo di stoffa, questo per evitare che il budello si rompa. Il contorno ideale sono le lenticchie. La tradizione vuole che il cotechino con le lenticchie venga cucinato al cenone di Capodanno come buon auspicio per il nuovo anno.

Ingredienti

Necessario per il cotechino con lenticchie:

  • un cotechino pronto da 500/600 grammi
  • 500 grammi di lenticchie già cotte
  • 1 cipolla
  • 1 costa di sedano
  • 1 carota
  • 20 grammi di olio d’oliva
  • 20 grammi di burro
  • sale e pepe quanto basta

Preparazione

Per prima cosa mettiamo a bagno le lenticchie per 2 ore in acqua fredda. Trascorso questo tempo, li scoliamo e sciacquiamo con acqua.  Nel frattempo cuociamo il cotechino immergendolo prima in acqua fredda e poi lasciandolo cuocere per circa 20 minuti dal momento del bollore.  Successivamente, prepariamo la salsa: sbucciamo la carota e la tagliamo prima a listarelle e poi a cubetti. Facciamo lo stesso procedimento per il sedano e la cipolla. Versiamo l’olio d’oliva in una casseruola e lo scaldiamo. Aggiungete le verdure tritate e fate rosolare per un paio di minuti. Subito dopo, versiamo le lenticchie precedentemente scolate e sciacquate.

Adesso aggiungiamo il sale, il pepe e condiamo il tutto con i rametti di rosmarino e le foglie di alloro legate con uno spago: in questo modo potremo togliere facilmente le erbe quando il piatto sarà pronto. Copriamo le lenticchie con il brodo vegetale caldo e facciamo cuocere per 20 minuti o più a seconda della consistenza che vogliamo ottenere. Una volta cotte, togliere il mazzetto di erbe aromatiche e tenere in caldo le lenticchie. Scoliamo il cotechino e lo mettiamo su un tagliere. Lo sbucciamo, lo tagliamo a fette e lo serviamo caldo nel piatto insieme alle lenticchie.

Come festeggiare il 31 Dicembre?

Il 31 dicembre in Italia di solito si festeggia con gli amici al contrario dei 3 giorni di Natale in cui si festeggia in famiglia. Ci sono persone che organizzano feste con gli amici a casa: fanno il conto alla rovescia e mangiano il cotechino con le lenticchie perché si crede che le lenticchie portino un sacco di soldi.

Inoltre, per scaramanzia, la notte tra il 31 dicembre e il 1 gennaio (la notte di Capodanno) si indossa la biancheria intima rossa. È un mix tra tradizione e augurio di buon auspicio, per un prospero nuovo anno. Divenuto tradizione il Cotechino racchiude nella semplicità della sua preparazione un grande simbolismo.

This entry was posted in Consigli di cucina.