Canapé di panettone con robiola e culatello

Le tartine di panettone con robiola e culatello sono un'idea sfiziosa, originale e molto semplice

Ci sono tanti motivi per amare il panettone: è soffice e profumato, artigianale, tradizionale o gourmet. Volendo, potrebbe essere presente ogni giorno dell’anno. Puoi mangiarlo a colazione, pranzo, merenda e cena. Non bisogna impazzire a farcirlo, perché a volte lo è già, con svariate versioni al cioccolato, al pistacchio, ai frutti secchi, etc..

Il panettone classico è una tradizione Italiana che conquista tutti, dai palati più esigenti a quelli più semplici. Questo dolce tipicamente milanese è sempre il giusto finale per il tuo cenone o pranzo di Natale. È  il miglior inizio per tutte le colazioni del mese successivo. Una curiosità sul panettone che anche fuori dall’Italia ha successo: le richieste di panettoni, da parte dai paesi esteri, sono oltre che triplicate negli ultimi anni.

Avreste mai pensato a un menu salato a base del dolce milanese? Credetemi, si può. Il suo impasto a base di acqua, farina, burro e uova lo consente egregiamente: eccovi un esempio.

Tartine di panettone con robiola e culatello

Il grande classico del panettone è quello che dopo le festività ne resta sempre qualche avanzo. Infatti eviteremo gli sprechi, poiché grazie alla sua versatilità il panettone è  un punto d’eccellenza della pasticceria italiana. Può infatti diventare lo spunto per altre originali ricette. Come preparare un buon antipasto ai nostri banchetti durante le festività natalizie o per il nuovo anno, come lo è il canapé di panettone con robiola e culatello.

Per questo, preparare uno stuzzicante antipasto di panettone è una sfida a cui non possiamo mancare, il regalo perfetto per colleghi, amici e famigliari è offrire il canapé di panettone con robiola e culatello. Materie prime uniche si incontrano dando vita un antipasto fragrante e gustoso. Il risultato è una gioia per il palato. È un dolce che sa di famiglia, estremamente versatile e gustoso, dal sapore agrodolce.

Le tartine di panettone con robiola e culatello sono un’idea sfiziosa, originale e molto semplice da preparare che vi permetterà non solo di riciclare gli avanzi della cena, ma anche di offrire una golosa merenda agli amici che verranno a trovarvi durante le festività. 

Ingredienti

I grammi indicati, valgono per la preparazione di 6 tartine di panettone con robiola e culatello:

  • 80 g panettone
  • 80 g di culatello
  • 50 g di robiola
  • 1 scorza di limone
  • 2 rametti di timo
  • 10 g di olio extra vergine di oliva
  • 1 cucchiaino di pepe nero

Preparazione

Per preparare le tartine di panettone con robiola e culatello, tagliare il panettone rimasto in 6 rettangoli di circa 9×5 cm e metterli in una padella facendoli dorare per circa 2 minuti da un lato e 1 minuto dall’altro. Mettere da parte le fette di panettone.

Ora pensiamo alla crema. Mettere la robiola in una ciotola e aggiungere le foglie di timo, l’olio d’oliva e il pepe. Grattugiare anche la scorza di limone e mescolare con una spatola per ammorbidire il composto, poi trasferitelo in una sac-à-poche.

Prendete ora le fette di panettone e mettete sopra le fette di culatello. Posizionate un pò di crema di robiola e guarnite con qualche foglia di timo e scorza di limone grattugiata a piacere.

Le vostre tartine con robiola e culatello sono pronte da gustare! Un cibo facile da preparare e molto buono, che si porta in tavola in pochi minuti, 10 per l’esattezza. Siamo sicuri che, preparando questo antipasto, renderai questo Natale unico.

Conservazione

Per apprezzare al meglio questo antipasto cosi fragrante e gustoso l’ideale è consumarlo subito una volta fatto.

Consigli

Si può personalizzare le tartine di panettone con salumi e formaggi a vostro piacimento. E se dopo aver preparato le tartine ti rimane ancora qualche fetta di panettone, puoi usarla per creare una fantasiosa bruschetta o un gustoso panino. Occhio, però, a non cadere nel solito errore: la tendenza è quella di partire dal panettone per poi riciclarlo in altri dessert. Meglio evitare, soprattutto se dopo il Natale si vuole recuperare la forma fisica perduta!

This entry was posted in Consigli di cucina.