Brasato al vino

brasato-al-vino-rosso

Il Brasato al Vino nasce dall’unione tra la sua origine contadina e le raffinate esigenze della corte sabauda, entrambe aperte, peraltro, alle influenze della cucina francese. Inoltre, la grande ondata di immigrati degli anni ’60 e ’70, provenienti dalle regioni meridionali d’Italia, ha portato a Torino le tradizioni culinarie del sud.

Il brasato di manzo al Barolo è una ricetta tipica piemontese: un sostanzioso taglio di manzo cotto lentamente nel vino rosso fino a quando non si scioglie. Richiede un vino rosso corposo, idealmente un Barolo anche se puoi usare altri vini rossi sostanziosi come Chianti, Brunello, Barbera o Taurasi per ottenere i giusti risultati. 

Di solito viene servito su polenta cremosa o purè di patate, ma può anche essere servito con tagliatelle all’uovo imburrate. Qualsiasi avanzo è molto gustoso e può essere usato per fare un ripieno di pasta ripiena : tradizionalmente agnolotti o ravioli in Piemonte, ma qualsiasi forma di pasta fresca andrà bene.

Per preparare questo piatto si usa solitamente lo stinco, un taglio di manzo morbido e succulento. La marinatura e la cottura lunga e lenta rendono il brasato molto tenero e aromatico, delizioso anche a temperatura ambiente. Come per tutte le ricette, ce ne sono alcune con varianti: potete utilizzare un taglio di carne diverso e scegliere di omettere la marinatura. Si può usare il burro per fare i succhi di cottura, ma potete scegliere un altro tipo di grasso come l’olio o lo strutto.

Inoltre, con questo sugo di cottura mescolato alle verdure, abbiamo preparato un delizioso contorno da versare sulle fettine di carne. Perfetto per un pasto in famiglia o per la tavola del fine settimana, il brasato al vino rosso è un piatto sontuoso ed elegante che può però essere realizzato con ingredienti semplici e alla portata di tutti.

Ingredienti per 4 persone

  • Stinco di vitello di circa 1,5 kg
  • 750 ml di vino rosso
  • 20 g di burro
  • 2 carote
  • 2 coste di sedano
  • 1 spicchio d’aglio
  • 1 cipolla
  • 2-3 rametti di rosmarino
  • 1 stecca di cannella
  • 3 grani di pepe nero
  • 3 bacche di ginepro
  • Sale e pepe a piacere

Il giorno prima di cucinare la carne

  1. Tritare la cipolla, il sedano e la carota e metterli in una ciotola con la carne, l’alloro ei grani di pepe.
  2. Sfumate con il vino e lasciate marinare per una notte, rigirando di tanto in tanto la carne.
  3. Togliere la carne, riservare la marinata e asciugare la carne.
  4. Filtrare la marinata, portare a bollore e cuocere a fuoco lento finché non si sarà ridotta della metà.

Passaggi per farlo

  1. Preparare le verdure: tagliare a pezzi grossi le carote, il sedano e la cipolla.
  2. Mettere la carne in un piatto capiente, coprirla con le verdure, aggiungere il rosmarino, l’aglio, il pepe e le bacche di ginepro, la cannella.
  3. Sfumate con il vino rosso fino a ricoprire completamente la carne.
  4. Coprire con un foglio di alluminio e marinare in frigorifero per una notte (cercare di non superare le 24 ore).
  5. Trascorso il tempo necessario, togliere lo stinco dalla marinata, asciugarlo con carta da cucina e conservare il liquido.
  6. Se non hai fatto la marinata, puoi iniziare direttamente con questo passaggio. Fate sciogliere il burro in una casseruola alta, aggiungete la carne e fatela rosolare uniformemente da tutti i lati.
  7. Quando i succhi si saranno sigillati e la carne sarà rosolata, aggiungete le verdure, distribuendole uniformemente in tutta la pentola. Cuocete per circa 15 minuti, aggiustando di sale.
  8. Aggiungere il vino rosso (o il vino della marinata se l’avete fatto voi) fino a coprire per metà la carne.
  9. Portare a bollore con il coperchio, abbassare la fiamma e cuocere la carne per circa 3 ore a fuoco molto basso, controllando di tanto in tanto il livello del liquido di cottura e rigirandolo dall’altra parte.
  10. A fine cottura, quando il brasato è tenero, toglierlo dalla pentola e frullare le verdure e il liquido di cottura con un frullatore ad immersione per una salsa da intingere. Se preferisci, puoi riservare delle carote per decorare il piatto da portata. Tagliare il brasato a fette di circa 7-8 mm di spessore e servire.

Consigli

Ad alcune persone piace rimuovere le verdure con una schiumarola, passarle in purè e rimetterle nella salsa per una salsa più liscia; questo è facoltativo. La carne deve essere così tenera da poter essere tagliata con un cucchiaio. Servire con purè di patate o una polenta cremosa . E ovviamente una bottiglia di Barolo.

Come puoi vedere, è molto facile preparare questo delizioso piatto. Buon appetito!

 

This entry was posted in Consigli di cucina.